Città di Castello, domani la terza edizione del “Memorial Matteo Montanucci”

CITTA’ DI CASTELLO – “Testimoniare le passioni di Matteo, come accade in maniera molto ampia e bella in questa terza edizione del memorial a lui dedicato, fa sentire ancora forte tra noi la presenza di un ragazzo che può essere un esempio per i giovani, perché sapeva cosa significasse l’importanza di coltivare interessi e impegnarsi seriamente nella vita per ottenere risultati”. In conferenza stampa l’assessore allo Sport Massimo Massetti ha presentato così insieme all’assessore al Sociale Luciana Bassini la terza edizione del Memorial Matteo Montanucci, che si svolgerà allo stadio del rugby di via Bartali a partire dalle ore 14.00 di domani, sabato 21 aprile. “A mamma Catia va dato merito della grande forza e dell’entusiasmo con cui porta avanti questa iniziativa, che trova nel Città di Castello Rugby l’ideale strumento di aggregazione, per la capacità unica di questo sodalizio di dare significato concreto ai legami umani e alla solidarietà”, hanno detto Massetti e Bassini, sottolineando il rilievo  di “una manifestazione che sposa in maniera assolutamente non comune rugby, cinofilia ed equitazione in una giornata che sarà un sicuro valore aggiunto nella programmazione degli eventi della città”. “Per me era importante dare importanza alle passioni di mio figlio, quella per gli animali in particolare, sia per i cani che per i cavalli con i quali da bambino ha praticato l’equitazione – ha sottolineato Catia Scalzeggi – in un gemellaggio ideale all’interno della grande famiglia del rugby che in questi anni mi è stata tanto vicina e mi ha aiutato a coltivare il ricordo di Matteo nella maniera giusta, cercando di diffondere il messaggio semplice, eppure importante, di un ragazzo che amava la vita”. Al centro dell’evento sportivo ci sarà l’abituale triangolare di rugby tra le squadre di Città di Castello, Foligno e Orvieto, che militano nello stesso campionato di serie C2. Alla sfida agonistica sul campo seguirà l’appuntamento con il “terzo tempo”, il ritrovo conviviale con i componenti del gruppo tifernate Stefano Bianconi dell’Associazione Italiana Persone Down, che serviranno ai tavoli nella Club House dello stadio con la bravura e l’allegria che li contraddistingue. Nell’ambito del terzo tempo la sezione locale dell’Associazione Italiana Sommelier guidata da Tiziana Croci darà la possibilità a tutti i presenti di approfittare di una degustazione di vini di alcune tra le cantine più pregiate. “Per noi è importante e bello condividere la nostra esperienza sportiva con altre realtà appartenenti a diverse discipline – ha dichiarato il vice presidente del Città di Castello Rugby Dario Ronti – perché vogliamo che il modo di ricordare Matteo sia il più possibile fedele a ciò che ha rappresentato in vita”. Per gli appassionati di cinofilia ci sarà la possibilità di ammirare esemplari di tutte le razze nell’esposizione canina amatoriale organizzata dall’Arci Caccia Umbria, prima tappa del circuito di 11 appuntamenti in tutta la regione dell’Umbria Challenge 2018, che proclamerà il “best in show” al termine di una competizione che coinvolgerà anche i bambini. “Abbiamo dato con entusiasmo la nostra adesione a questa manifestazione per la delicatezza con cui viene ricordato Matteo, ma anche per sostenere il valore della solidarietà, abbinandolo alla promozione della cinofilia in un appuntamento che siamo sicuri piacerà molto agli appassionati e darà modo a tutti, soprattutto ai più piccoli, di avvicinarsi alla conoscenza del cane”, ha detto il presidente regionale dell’Arci Caccia Emanuele Bennati, che insieme al delegato locale Fabrizio Bruschetti ha preannunciato che tutti i proventi dell’iniziativa saranno devoluti all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Per la gioia dei bambini il programma offrirà anche la possibilità di divertirsi nel battesimo del pony e di avvicinarsi alla conoscenza dei cavalli grazie agli istruttori dell’associazione F.e.e.l. (Formazione Etologica Equitazione in Leggerezza) del Centro equestre di Antonello Radicchi e Francesca Patrizi a Pistrino. “Sui valori del rispetto e del divertimento che insegniamo nella nostra scuola, anteponendoli all’agonismo e al successo, ci siamo trovati in piena sintonia con il Città di Castello Rugby – ha detto l’istruttrice Elisa Veri – e nel nome della passione per l’equitazione di Matteo cercheremo di trasmettere un messaggio positivo con la nostra partecipazione all’evento, che ci onora e ci fa grande piacere”. I ragazzi del centro equestre scenderanno in campo con i giocatori di rugby e palleggeranno con loro in sella, in una suggestiva fusione tra le due discipline. Allo stadio del rugby sono attesi tanti sportivi e appassionati, ma soprattutto i tanti amici di Matteo che si daranno appuntamento per rendere omaggio nel migliore dei modi al suo ricordo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta