Foligno, 60 vignette in mostra per dire no al gioco d’azzardo

FOLIGNO – Sarà inaugurata domenica 18 dicembre, alle ore 18 nella Chiesa di Santa Maria di Betlem in via Umberto I a Foligno, la mostra itinerante “Azzardo: non chiamiamolo gioco”. Si tratta di una rassegna di 60 vignette umoristiche e immagini pungenti, realizzate da 36 noti vignettisti italiani, per capire che l’azzardo non è un gioco. La mostra è organizzata dal Centro di Riferimento Regionale per la Dipendenza da Gioco, con sede a Foligno presso il Dipartimento delle Dipendenze della UslUmbria2, in collaborazione con il Comune di Foligno, l’Azione Cattolica, la Caritas Diocesana, Cgil, Cisl, Locomotiva cooperativa sociale, e la Comunità La Tenda. Il progetto è stato messo a disposizione dall’associazione EXODUS onlus ed è patrocinato dal Senato della Repubblica.
Le organizzazioni aderenti fanno parte del Gruppo interistituzionale coordinato dal Centro di Riferimento Regionale, previsto dal Progetto “Implementazione degli aspetti sociali, legali e finanziari del modello di intervento integrato sulla dipendenza da gioco”, finanziato dalla Regione Umbria, che, tramite la mostra, vuole attuare anche attività di prevenzione e informazione sul tema del gioco d’azzardo.
L’esposizione di 60 tra vignette umoristiche e immagini pungenti è appunto il pretesto per capire che l’azzardo non è un gioco. All’inaugurazione saranno presenti l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Foligno, Maura Franquillo, il Direttore del Dipartimento delle Dipendenze della UslUmbria2, Sonia Biscontini, e la referente per la dipendenza da gioco della sede di Foligno dell’UslUmbria2, Lucia Coco. La mostra rimarrà aperta fino all’8 gennaio 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.