Foligno, la città ha salutato il generale Gerometta

FOLIGNO – Foligno ha salutato nella sala consiliare il generale Paolo Gerometta, che ha lasciato l’incarico di capo del primo reparto affari giuridici ed economici del personale dello Stato Maggiore dell’Esercito – che sovrintende anche il Centro di selezione e reclutamento dell’esercito di Foligno – per diventare direttore generale del personale del ministero della Difesa.
“E’ una giornata speciale perché si conferma ancora una volta il consolidamento del rapporto tra città e caserma – ha detto il sindaco di Foligno, Nando Mismetti – e nella continua evoluzione di questo rapporto il generale Gerometta è stato un punto di riferimento fondamentale”.

Nel suo intervento il generale Gerometta ha ricordato che “il legame con Foligno che si è instaurato a partire dal 2009. Quanto avvenuto a Foligno è un esempio per il Paese e dimostra l’importanza di fare squadra tra le istituzioni. C’è stato un periodo in cui la città stava per perdere il Centro di selezione. Ma ho percepito una cosa che per Foligno è stata vincente: l’aria che si percepiva attorno alla caserma e il rapporto con i cittadini. E’ stato fondamentale. Ho creduto in questo progetto e non ho dubbi che il futuro avrà ancora lati positivi. Voglio sottolineare l’importanza del centro e della sua qualità. Qui inizia tutto per la formazione dei nostri uomini”. Il generale ha posto l’accento sul fatto che “i risultati raggiunti a Foligno sono i più importanti della mia vita”.

Il generale ha ricevuto dal sindaco in dono il giglio d’oro della città e un libro sul palazzo del Comune. Il militare ha regalato a Mismetti un simbolo della cavalleria. All’incontro era presente, tra gli altri, anche il generale Luca Covelli, da pochi giorni insediato alla guida del centro di selezione e reclutamento dell’esercito di Foligno. Al nuovo comandante della caserma è stato donato il giglio d’oro della città e una pubblicazione sui 400 anni della Quintana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.