Foligno, Legambiente e Italia Nostra chiedono interventi per il Topino

FOLIGNO – Legambiente e Italia Nostra lanciano l’allarme sullo stato del Topino in una lettera indirizzata a Walter Canapini, il direttore generale di Arpa Umbria.

“La situazione del fiume Topino è allarmante nonostante le recenti piogge. La portata – dicono Gianfranco Angeli di Italia Nostra Foligno e Gianfranco Anzideo di Legambiente – è ai minimi livelli e l’alveo è ridotto a un lastricato di pietre levigate sopra la quali, quelle al centro, passava un piccolo spessore d’acqua: questa la situazione che si vede entrando a Foligno da Porta Firenze. E’ quindi urgente un immediato intervento vietando prelievi, verificando ipotesi di immissione di acqua e monitorando la situazione della fauna acquatica. Si ritiene inconcepibile che nel periodo estivo il fiume scorri tra le pietre e nel periodo invernale ci si agiti perché il fiume è minaccioso per la città e la campagna, con gli usuali pericoli di esondazione, di allagamenti e di frane.

Forse – si dicono – è tempo di agire con progetti eco-sostenibili che possano tutelare il fiume e la sua biodiversità e le persone che vivono nelle sue vicinanze”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.