Narni, sindaco de Rebotti annuncia selezione pubblica per gestione parco naturale Gole del Nera "Il modello di gestione sarà simile a quello che utilizzeremo per San Domenico e Palazzo dei Priori"

NARNI – Sarà gestito da soggetti individuati attraverso una selezione pubblica il parco naturale delle Gole del Nera. Lo ha annunciato il sindaco Francesco de Rebotti a margine del workshop sul futuro utilizzo del complesso del San Domenico e di Palazzo dei Priori svoltosi ieri alla sala del Camino di Palazzo Eroli, alla presenza del vice presidente della Regione Umbria, Fabio Paparelli, degli assessori comunali alla cultura e turismo, Gianni Giombolini, e allo sviluppo, Marco de Arcangelis, degli assessori del Comune di Terni alla cultura, Giorgio Armillei, e al marketing territoriale, Daniela Tedeschi, unitamente a professionisti, associazioni, enti, imprenditori e altri soggetti del tessuto economico e sociale della città.

“Le Gole del Nera – ha osservato de Rebotti –  sono un parco naturale di enorme valore, anche per il patrimonio storico e culturale di cui sono portatrici. Il modello di gestione sarà simile a quello che utilizzeremo per San Domenico e Palazzo dei Priori, proprio per ottimizzare le risorse e le capacità in rapporto all’importanza di questi nostri beni”.

Anche il vice presidente della Regione Paparelli ha sottolineato la portata dei progetti presentati dall’amministrazione. “Condivido – ha detto – il metodo che rappresenta un’esperienza innovativa e un momento importante di condivisione e partecipazione con gli operatori economici e professionali, le associazioni di promozione del territorio e i cittadini per individuare una strategia unica per uno sviluppo integrato e per la valorizzazione turistica del territorio”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>