Perugia, dubbi sulla legittimità dell’atto degli impianti sportivi. Il Pd: “Spettacolo indegno” Sfogo del gruppo consiliare del Partito democratico di Palazzo dei Priori

PERUGIA – “Il centro destra perugino  scivola, ancora una volta sul tema impianti sportivi – spiega una nota del gruppo Pd di Palazzo dei Priori – Questa mattina sono stati convocati i commissari di tre commissioni consiliari comunali (Affari istituzionali, Bilancio e Cultura e Sport) per discutere e votare una preconsiliare di Giunta in cui, con faciloneria e arroganza Sindaco e Giunta propongono nello stesso atto di modificare il  Regolamento sulle modalità di affidamento degli impianti sportivi di proprietà del Comune di Perugia  e di approvare una considerevole modifica al bilancio comunale. In un solo atto si stravolge l’intera struttura di gestione degli impianti sportivi del Comune di Perugia. Meglio sarebbe stato – continuano i dem –  seguendo l’iter normativo, modificare il regolamento di cui sopra e poi proporre la  variazione di bilancio ed infine, nella commissione Cultura e Sport affrontare le scelte tecniche amministrative e politiche  dando modo ai consiglieri di studiare al meglio le pratiche”.

“La superficialità con cui il centro destra sta agendo, non solo rischia di ingolfare il dovuto processo amministrativo, ma ne mina l’onestà dell’intento politico che dovrebbe essere superiore a qualsiasi  diatriba, ossia il benessere e l’interesse della collettività che noi tutti rappresentiamo. Una approssimazione come quella dimostrata dal centro destra oggi era difficilmente prevedibile: addirittura la sala del Consiglio Comunale è occupata e la Commissione si è tenuta in una sala Emanuela Loi sovraffollata con consiglieri che non hanno neanche trovato posto al tavolo della discussione. La seduta della Commissione è stata una baraonda indegna della massima assise comunale con i consiglieri di Maggioranza che hanno impedito la convocazione del Segretario Generale (o di chi al momento ne faceva le veci) per affrontare i molti dubbi che un atto come questo ha fatto nascere. Si è preferito tenere sulla corda l’attività della Commissione con continue mozioni d’ordine, anche contraddittorie, da parte della Maggioranza piuttosto che cercare di avere un parere da parte di chi è tenuto ad esprimersi in merito alla regolarità degli atti del Comune Agendo con modi arroganti come sta facendo la Maggioranza su input della Giunta Romizi il rischio di perdere importanti fondi ed investimenti per i grandi impianti perugini è altissimo”.

“Il tutto si è concluso alla fine con un nulla di fatto. La Commissione è stata sospesa come chiesto precedentemente dal PD attraverso una lettera inviata dal capogruppo Mencaroni (che si allega) il giorno stesso dell’arrivo della convocazione della Commissione. La Maggioranza ha presentato, ancora una volta, uno spettacolo indegno per la città di Perugia. Una Commissione sospesa a causa di profili di illegittimità dell’atto in discussione svilisce il ruolo e le funzioni di tutto il Consiglio Comunale di Perugia. Ci chiediamo se qualcuno tesse le fila della Maggioranza o se invece tutto viene lasciato al caso. Sindaco ed Assessore allo Sport sono responsabili di questa situazione che si trascina da diverso tempo e che tiene completamente bloccata l’attività istituzionale dell’ente rischiando di compromettere la fruizione degli impianti sportivi”.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>