Perugia, “Ti voglio donare: donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule”, convegno del Kiwanis

PERUGIA – Sviluppare una nuova cultura della salute e in particolare della donazione degli organi attraverso il confronto e la collaborazione tra gli attori del sistema sanitario e l’universo associazionistico regionale per rendere più coscienziosa l’opinione pubblica e i potenziali donatori. E’ la principale tematica che è stata affrontata questa mattina al Residence Chianelli di Perugia in occasione del convegno dal titolo ‘Ti voglio donare: donazione e trapianti di organi, tessuti e cellule’, promosso e organizzato dalla Divisione 9 Umbria Sabino del Kiwanis, in collaborazione con l’AIDO regionale e la sezione provinciale di Rieti.

All’incontro erano presenti le delegazioni dei Club umbri del Kiwanis International (Perugia, Perugia Etrusca, Foligno, Assisi, Città di Castello e Antrodoco, introdotti dal presidente del Kiwanis Perugia, Stefano Babucci), oltre alla massima autorità del Kiwanis Distretto Italia San Marino, il Governatore Elio Garozzo. Ed è stato proprio quest’ultimo a portare ai presenti il saluto dei vertici mondiali del Kiwanis, incontrati lo scorso 24 gennaio a Detroit in occasione dei festeggiamenti per il centenario dell’associazione di service che conta ad oggi oltre 8 mila Club e 250mila soci sparsi in tutto il mondo.

“La sinergia tra sistema sanitario e pubbliche amministrazioni per la dichiarazione di volontà in materia di donazione degli organi – ha affermato Emilio Duca, Direttore Regionale Salute e Coesione Sociale -, ha portato negli ultimi anni dei risultati soddisfacenti. Nella nostra regione sono decuplicate le dichiarazioni di assenso e ciò va interpretato come un grande esempio di civiltà. Oggi il passo successivo per la diffusione di una nuova cultura della donazione è quello che il Centro Regionale Trapianti sta cercando di sviluppare con una ulteriore rete di servizi che non può prescindere dal coinvolgimento del mondo dell’associazionismo”.

Numeri importanti, quelli registrati nel ‘Cuore verde d’Italia’ dal 2010 ad oggi, che sono stati illustrati anche dal presidente regionale dell’AIDO, Vittorio Pulcinelli: “Essere disponibili a donare gli organi dopo la morte certa non è un sacrificio ma un atto di civiltà e di altruismo – ha sottolineato – e sono orgoglioso del fatto che in Umbria, grazie al progetto pilota ‘Una scelta in comune’, nell’anno appena trascorso abbiamo registrato 7mila dichiarazioni di volontà a fronte delle 4mila degli ultimi 12 anni. E’ la strada giusta – ha concluso – verso la piena autosufficienza del quantitativo di organi necessario”.

Nel corso del convegno c’è stato spazio anche per una riflessione di carattere tecnico sul sistema normativo e organizzativo dei trapianti , grazie al contributo di Tiziana Garzilli, Coordinatore Trapianti della Regione Umbria: “Oggi in Italia la rete dei trapianti ha subìto importanti mutamenti in particolare per quanto riguarda l’aumento costante dell’età dei donatori. Una nuova sfida – ha affermato – che ha fatto alzare il livello di attenzione perché è fondamentale che la donazione permetta di migliorare la qualità della vita del ricevente. Agli sforzi maggiori che questi nuovi fattori richiedono agli operatori sociosanitari deve affiancarsi comunque una coscienza collettiva diversa, che si può formare con l’azione sinergica delle associazioni che diffondono nella società questa nuova cultura della salute”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>