Spoleto: spettacoli, workshop e performance per la rassegna di eventi “Rendez vous 2016 – Danse Francaise”

SPOLETO – Spettacoli, workshop, mostre, performance, musica e danza: al via la rassegna di eventi “Rendez Vous 2016 – Danse Francaise” a Spoleto dal 26 Marzo a Dicembre 2016 nella splendida cornice della città del Festival dei Due Mondi, punto d’incontro internazionale dedicato all’arte e alla fusione tra le arti. L’ideazione e la direzione artistica della manifestazione, arrivata alla sua quinta edizione, è di Carole Magnini con la collaborazione di Associazione Evidanse, Comune di Spoleto, Ambasciata Francese, la Francia in scena e Institut Français à Rome, Teatro Stabile dell’Umbria, Caos di Terni.

“Rendez Vous 2016”, si sviluppa nell’arco di tutto l’anno, passando per le diverse stagioni, dedicata in particolare all’incontro con grandi creatori della danza francese. Un programma di diffusione, trasmissione ma anche di formazione e scambi. L’articolato calendario di appuntamenti è imperniato attorno a quattro momenti significativi con quattro grandi personalità rappresentative che saranno protagoniste di spettacoli e terranno corsi di formazione: i coreografi Christine Gérard, Christian Bourigault, Dominique Dupuy, Brigitte Hyon. L’evento è stato presentato dall’Assessore alla Cultura Gianni Quaranta, dalla direttrice artistica Carole Magnini e dalla rappresentante dell’Ambasciata Francese Anouk Aspisi. “Un importante appuntamento – ha detto l’Assessore Premio Oscar Gianni Quaranta – in linea con la tradizione di Spoleto, città della cultura a livello internazionale, ed  anche una grande occasione per rafforzare il rapporto con la Francia”.

“Siamo molto felici di sostenere – ha detto Anouk Aspisi – e di investire in questo progetto perché crediamo nello scambio culturale e nella promozione dell’arte e della danza contemporanee così come nel coinvolgimento del pubblico attraverso le performance in luoghi storici di grande suggestione, come Spoleto”. Tra i luoghi in cui si svolgeranno gli spettacoli angoli del centro storico e anche le nuove strutture della mobilità alternativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.