Terni, Ugl: “Alla Casa circondariale basta detenuti Alta sicurezza”

TERNI – “In questi giorni – dice Roberto Perfetti, segretario regionale Ugl – ritorna attuale, la questione dei detenuti As3 alla Casa circondariale di Terni, è in atto un arrivo consistente di detenuti appartenenti ai più vari clan criminali fino a raggiungere il sold out dell’istituto. Una politica ministeriale unilaterale con la complicità della dirigenza ternana che non hanno coinvolto le parti sindacali, le esigenze del personale e hanno sottovalutato il rischio concreto di contaminazione per il territorio e non per ultimo il disagio per gli stessi detenuti costretti a vivere in condizioni non adeguate. L’Ugl fin dall’arrivo a Terni dei detenuti Alta Sicurezza non ha mai smesso di denunciare il problema dell’infiltrazione criminale”.
“In tre settimane da un totale di 480 detenuti circa, si è arrivati a più di 510 ospiti, raggiungendo il massimo di capienza nella sua storia e il riempimento indiscriminato non è ancora terminato. Una struttura ritenuta fatiscente e insalubre non può permettersi un’accoglienza del genere. Le risorse necessarie per permettere ai detenuti di lavorare per reinserirsi sono insufficienti, il personale esiguo e spesso “mobbizzato” con lavoro straordinario eccessivo e non giustificato è irragionevole e denigrante come l’aspetto umano e sociale che i detenuti quotidianamente dovranno affrontare. Terni non merita questo, I lavoratori non meritano questo”.
“Il territorio, ormai inevitabilmente contaminato nelle sue falde con un radicamento stabile e continuativo, convive con un turismo carcerario settimanale dei familiari che riempiono gli alberghi e “strizzano” gli occhi ad investimenti immobiliari insediandosi definitivamente in provincia. Un “benessere” illusorio e malato frutto del malaffare che continuerà ad infiltrare Terni in maniera sempre più capillare. Chiediamo alle istituzioni di ogni grado di non sottovalutare il rischio per Terni e per la Provincia. “No all’immigrazione clandestina e soprattutto no a residenze protette per i criminali”.
 
“Nel 2019 la guida della Casa circondariale di Terni è cambiata e ci saremmo aspettati, come organizzazione sindacale, un cambio di passo. Noi siamo convinti che l’afflusso di componenti di organizzazioni criminali con la c maiuscola nel nostro penitenziario di Terni e dei familiari a seguito contribuiscano a rendere meno sicura la città, è un nostro dovere informare, denunciare ed invitare gli amministratori locali a non sottovalutare il fatto che la casa circondariale ormai è satura e priva delle risorse necessarie sia in termini economici che di personale addetto. Noi condividiamo la preoccupazione del procuratore Liguori ch e negli ultimi mesi è stato l’unico ad affermare che Terni  è “crocevia di traffici di stupefacenti provenienti da rotte internazionali” dove l’illegalità è diffusa e l’infiltrazione criminale non deve essere sottovalutata ma monitorata. Come organizzazione sindacale riteniamo opportune delle spiegazioni dalla Direzione di Terni e chiederemo al più presto un incontro consapevoli che ognuno debba assumersi le proprie responsabilità su qualsiasi iniziativa”.