Torre civica Città di Castello, Lignani Marchesani interroga tutti sulla mancata riapertura

CITTA’ DI CASTELLO – Con una interrogazione il capogruppo di Fratelli d’Italia Andrea Lignani Marchesani chiede di conoscere le ragioni del permanere della chiusura al pubblico della torre civica e la data dell’eventuale riapertura del monumento. “Le motivazioni inerenti la chiusura sono determinate da motivi organizzativi, a parametri inerenti la sicurezza dei visitatori o a entrambe le cose?”, domanda l’esponente del Centrodestra nel cercare di comprendere anche “se e quando sia prevista la riapertura al pubblico”, ma anche “le modalità e gli orari di accesso alla medesima” e “se si intenda intervenire sulle criticità inerenti la sicurezza dei visitatori”. Nel ricordare che lo scorso 22 dicembre “con grande risalto comunicativo è stata riaperta al pubblico la torre civica per tutto il periodo natalizio dopo anni di costosi lavori strutturali e di messa in sicurezza”, Lignani richiama l’attenzione sul fatto che “l’ingresso gratuito avrebbe dovuto essere temporaneo e l’amministrazione comunale si era impegnata a stabilire importo per il biglietto d’ingresso e soprattutto gli orari d’apertura”. “Invece dalla fine del periodo natalizio la Torre Civica è rimasta permanentemente chiusa al pubblico”, osserva il rappresentante di Fratelli d’Italia, nel far presente che “erano emerse alcune criticità inerenti la sicurezza dei visitatori durante le visite istituzionali, in particolare per quanto riguarda la scala di accesso alla terrazza e l’assenza di corrimani in alcune scale a chiocciola”. “E’ necessario che questo monumento torni definitivamente fruibile ai visitatori e ai turisti – afferma Lignani – magari con precise prescrizioni d’accesso e con un prezzo di biglietto contenuto”.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail