Trasporto pubblico locale, i sindacati chiedono un tavolo di confronto alla Regione

Le segreterie regionali dell’Umbria di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt-Uil, Faisa-Cisal e Fna-Ugl, a distanza di qualche settimana dall’avvio della nuova legislatura regionale, chiedono un confronto serrato sulle diverse problematiche riguardanti sia il Trasporto Pubblico Locale Regionale, compreso il trasporto ferroviario, sia le vicende societarie di Umbria Tpl e Mobilità Spa.
A tale proposito, con una nota inviata alla presidente della giunta regionale Marini e all’assessore competente Chianella, sollecitano la convocazione urgente di un tavolo di confronto sui tempi di approvazione del nuovo Piano Regionale dei Trasporti; sui tempi e modalità di predisposizione del/i bando/i di gara per i servizi di TPLR; sulla situazione del nuovo contratto di servizio con Trenitalia; sui tempi e modalità di realizzazione della Agenzia Regionale dei Trasporti; sulla situazione finanziaria e ipotesi di nuova governance di Umbria Tpl e Mobilità Spa; sulla situazione della Infrastruttura Ferroviaria regionale e prospettive di rilancio; sul piano di investimenti in nuovo materiale rotabile ferroviario che coinvolga Umbria Mobilità Esercizio Srl/Busitalia; sulla situazione delle risorse finanziarie per la manutenzione delle rotte lacustri e delle sponde del Lago Trasimeno.
“Le organizzazioni sindacali – precisano i sindacati in una nota – ritengono opportuno che detto confronto veda coinvolte, di volta in volta e per quanto di loro competenza, anche le aziende Umbria Tpl e Mobilità Spa e Umbria Mobilità Esercizio Srl/Busitalia, nonché gli enti locali eventualmente coinvolti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.