Umbertide, più controlli alla Ex Fornace: la soddisfazione dell’amministrazione

UMBERTIDE – L’Amministrazione comunale esprime profonda soddisfazione per i maggiori controlli compiuti dall’Arma dei Carabinieri e dalla Polizia di Stato presso il complesso residenziale disabitato della Fornace. In particolare l’ultimo accesso del 3 novembre 2016 è stato effettuato congiuntamente dall’Arma dei Carabinieri e dal personale del Commissariato di Città di Castello che hanno unito le loro forze e le loro competenze per realizzare un intervento accurato su tutta la vasta struttura. I maggiori controlli hanno da subito prodotto i loro effetti in quanto sono notevolmente diminuite le segnalazioni di presenze abusive all’interno della struttura da troppo tempo non abitato e oggetto di una complessa procedura esecutiva che rende difficile una riqualificazione del vasto complesso residenziale.

I nuovi intereventi delle Forze di Polizia del territorio fanno seguito alla riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica indetta dal Prefetto in data 25/10/2016 nel corso della quale il Sindaco del Comune di Umbertide Marco Locchi ha nuovamente sottolineato la necessità di tenere costantemente sotto controllo il complesso La Fornace per evitare che diventi un fattore di insicurezza della città. L’Assessore alla Polizia Municipale Paolo Leonardi evidenzia come la risposta delle Forze di Polizia sia stata immediata e come abbia già portato a controlli della struttura più incisivi e frequenti. Il Sindaco Marco Locchi sottolinea come la questione Fornace sia un problema complesso che interessa la sfera della sicurezza pubblica in generale e soprattutto la sicurezza del territorio umbertidese. Per tale motivo l’Amministrazione comunale ha dato anch’essa il proprio apporto attraverso la  recente estensione anche all’area della Fornace del servizio di vigilanza notturna realizzato da un istituto di vigilanza privata che ha il compito di controllare l’area e segnalare eventuali fattori di insicurezza alle Forze di Polizia impegnate sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.