La Ternana saluta la Coppa Italia, ma è il giorno del botta e risposta tra Longarini e i suoi ex dipendenti

La Ternana, come da pronostico, perde 2-0 a Cesena e saluta cosi la Coppa Italia. Decide l’uno due firmato da Zampano e Cascione allo scadere del primo tempo, che forse ha penalizzato un po’ troppo una squadra che compelssivamente ha proposto un calcio migliore, ma che ha peccato prevedilmente di inesperienza. Tuttavia il risultato passa in secondo piano dopo quanto accaduto nelle ore immediatamente precedenti il match dell’Orogel Stadium. Dopo le numerose critiche che lo hanno bersagliato al termine di una due giorni a di poco convulsa, l’amministratore unico della Ternana Calcio si è difeso, o per lo meno ha tentato di farlo. Nella tarda serata di ieri ha voluto spiegare le sue verità una lunga lettera indirizzata per lo più ai tifosi rossoverdi che riportiamo:

Cari Tifosi, cari Ternani Come sapete sono, da sempre, una persona poco incline all’esposizione mediatica ed ai riflettori. Purtroppo oggi, come altre volte in passato, le circostanze mi obbligano a dover ricorrere alla penna per raccontare, a tutti coloro che avranno la pazienza di leggere queste righe, cosa è accaduto negli ultimi 40 giorni, ovvero dal primo luglio u.s. quando ho nominato un nuovo e corposo staff tecnico, in quanto qualcuno vorrebbe far passare un certo messaggio e si è mosso scientificamente per uscirne da martire, mentre invece credo sia più onesto condividere con tutti voi alcuni episodi di quanto accaduto al fine di ristabilire la realtà. Per rendere la comprensione più chiara occorre partire dall’inizio di questa mia avventura come presidente della Ternana Calcio. Ho iniziato ufficiosamente a Giugno del 2015 in condizioni quasi estreme, con un A.U. ai domiciliari ed un DS plenipotenziario. Ho cercato, come sempre, di fare il massimo per ottenere i miei obiettivi ovvero far essere la Ternana Calcio una società autosufficiente senza per questo perdere di competitività. La prima stagione per certi versi la considero un successo, per altri, invece, un grande fallimento. Anche io ho le mie colpe: due su tutte, quella di aver confermato la fiducia alla persona sbagliata che mi ha fatto perdere più di un mese fondamentale (oltre a tanti altri danni che approfondiremo in sede giudiziale) e quella di aver voluto lavorare con un amico, o almeno uno che io consideravo tale. Abbiamo passato tante difficoltà nel processo di riorganizzazione messo in atto la scorsa stagione, ma, nonostante tutto , abbiamo “retto i colpi” e siamo andati avanti. Per farlo non ho lesinato impegno e fatica togliendo tempo ad altre aziende altrettanto importanti e nelle quali con passione ho sempre lavorato. Ho seguito la squadra, spesso, in casa ed in trasferta, delle volte sostituendomi come motivatore a chi in quel momento avrebbe dovuto farlo ma evidentemente non era più in grado. Certe settimane ero spesso al campo di allenamento, sono stato al fianco dei ragazzi e del mister quando sentivo che ne avevano bisogno; ed alla fine, facendo un bilancio e considerate le mille difficoltà incontrate lungo il percorso, non posso dire (data la mia maniacale competitività) di essere pienamente soddisfatto, ma posso dire che sicuramente poteva andare peggio. Veniamo all’odierno: nel mese di Maggio, finito il campionato scorso, avevo le idee molto chiare su come volessi continuare il processo di organizzazione della mia società al fine di renderla sempre più forte e soprattutto più indipendente dal mio personale impegno, poiché già sapevo che quest’anno, per diversi motivi, non avrei potuto dedicare gli stessi sforzi profusi nel corso della passata stagione. Da parte mia non sarebbero mai mancate passione e dedizione, ma avrei messo in atto una differente organizzazione con un organigramma chiaro e definito, composto da diverse figure forti che mi avrebbero permesso di seguire la società più in maniera “strategica” che personale, come ho sempre fatto in ogni altra azienda. Avevo le idee molto chiare su chi sarebbe stato il DG e su chi avrebbe fatto il DS, ne è dimostrazione il fatto che è stato il DG a negoziare e perfezionare il contratto del DS. Due sole cose ho chiesto al mio staff: Rispettate sempre le gerarchie della società, ed i ruoli di ognuno (onde evitare di ripetere gli errori del passato, dopo vedremo perché); Tenere sempre a mente il budget, la nostra filosofia e le nostre regole.La scala gerarchica di questa società (su cui qualcuno ultimamente si è divertito a fare lo spiritoso) è semplice e lineare: vi è un AD a cui fa capo e risponde la verticale finanziaria ed organizzativa ed un DG a cui fa capo e risponde la verticale sportiva. Entrambi sono i referenti ed i responsabili per le verticali che gestiscono, ed entrambi rispondono direttamente a me. Chiunque legga queste righe ed abbia gestito, anche solo per una settimana, una struttura aziendale, sa perfettamente che, a prescindere dalla materia di cui l’azienda si occupa, un’organizzazione gerarchica con compiti chiari e chiare responsabilità è alla base del buon funzionamento della stessa. Se si mette in discussione la società, tutto viene meno. L’unica cosa certa è la proprietà e nessuno deve arrogarsi il diritto di sostituirsi ad essa. Avevo ricevuto grandi promesse circa il rispetto di queste dinamiche, promesse che sono state disattese quasi da subito. Chi non c’è più (vecchi e nuovi) sa bene quali sono le fortissime motivazioni alla base di tali allontanamenti. A partire da Guglielmo Acri che recentemente ha dichiarato di non sapere le ragioni per le quali è stato mandato via, egli invece è perfettamente a conoscenza delle varie problematiche che le sue condotte hanno creato. Nel momento in cui, per il bene della società l’AD lo chiama e gli dice di fare una cosa, e lui fa il contrario con l’aggravante dei toni minacciosi ed offensivi e con l’ulteriore aggravante di dare allo spogliatoio indicazioni diametralmente opposte a quelle ricevute, alla società non resta altro da fare che chiudere il rapporto anche in considerazione degli enormi e ridondanti disagi che comportamenti del genere creano nel gruppo per il prosieguo della stagione. Stesso discorso valeva e vale per chi ha iniziato quest’anno. C’è chi ha parlato di “gerarchia opprimente che impediva di lavorare”: l’aver chiuso In tre settimane 4 operazioni di mercato in autonomia ed aver messo sotto contratto un corposo staff tecnico in autonomia testimonia, evidentemente, il contrario. Il DS ha avuto carta bianca circa la scelta dell’intero staff tecnico, se dopo tre settimane mi dice in riunione che non è più in grado di controllarlo e di gestirlo, posso fare poco altro. Affinché un azienda funzioni è fondamentale che tutti abbiano chiari i propri ruoli e rispettino i propri referenti, differentemente si può anche intervenire e risolvere un problema “dell’oggi” ma si avrà la certezza di gettare le basi per l’anarchia “del domani”. Ho il dovere, sempre, di difendere la società che rappresento, la quale, nelle ultime settimane è stata vittima di attacchi sia a mezzo stampa sia, soprattutto, a taccuini chiusi (cosa ben più grave e vile) da parte di chi, stipendiato dalla stessa società, ha provato a forzare la mano ed a descrivere una condizione di difficoltà nell’esperire le proprie mansioni. Tali “grandi difficoltà” raccontate altro non erano che il rispondere a semplicissime gerarchie organizzative, normali e ben chiare già da molto tempo prima delle firme di certi contratti. Chi delegittima, in pubblico od in privato, un quadro aziendale non solo fa il male della propria azienda ma esplicitamente delegittima chi quel quadro lo ha scelto e gli ha dato fiducia, ovvero il sottoscritto. Ancora più grave è fare tutto ciò, ed anche di più, fra le sacre mura dello spogliatoio. Chi non è d’accordo con la mia visione delle cose ha il diritto di cessare la collaborazione con l’azienda che gestisco e rappresento. Certe alzate di testa, certe forzature per mettere pressione non hanno mai portato a nulla, servono solo ad esasperare gli animi e ad avvelenare il clima; soprattutto se vengono da chi era partito con il giusto spirito salvo poi, per ragioni ancora da decifrare, iniziare una battaglia interna contro chi lo aveva nominato e contro chi gli pagava lo stipendio. Qualcuno ha provato a forzare la mano chiedendo “apertis verbis” lo stravolgimento di tali gerarchie, attaccando apertamente una figura di riferimento sostenendo che non riusciva a parlarci poiché “lo innervosiva” e quindi non ci voleva più interloquire. Questo non è l’amore di cui egli parla: l’amore è una sentimento spontaneo, non una condotta freddamente premeditata. Dovrebbe raccontare invece, tale signore, che in una telefonata delle 13:45 del 16 Luglio u.s. esprimeva al DG la massima contentezza di lavorare con lui e per quest’azienda, raccontava anche come in altre esperienze fosse stato costretto a pagare di tasca propria cene alla squadra per fare gruppo: esprimeva grande soddisfazione per le condizioni di lavoro concesse e per gli ottimi giovani in organico, giovani coi quali “la proprietà avrebbe fatto tanti soldi”. Una sola cosa chiese per esser ancor più felice, “far allenare la squadra tutto l’anno su un campo in erba”: 36 ore dopo aveva il nostro assenso e tre proposte di campi in erba da collaudare, il fatto che non sia mai andato a vederli, bucando anche un appuntamento a riguardo, la dice lunga circa la premeditazione di certe condotte. Dovrebbe anche raccontare, tale signore, perché dopo tutte queste belle parole, il 26 Luglio u.s. alle 21:26 comunicava per sms le proprie dimissioni al DG comunicando che la mattina successiva avrebbe “salutato la squadra” e “ringraziando per tutto”. Salvo poi presentarsi al campo e far finta di nulla, con la complicità di chi lo ha coperto. E mi fermo qui. Anzi, aggiungo soltanto, per chi si è permesso di dire in tono minaccioso che “non dovevo permettermi di portare avanti una certa operazione sopra la testa di qualcuno” che i 3.000 tifosi presenti alla prima gara ufficiale ringraziano per il goal e per il passaggio del turno. Oggi la società ha preso delle decisioni nette e forti come è sempre accaduto e come sempre accadrà, quando qualcuno ha provato a metterla spalle al muro. Proseguiremo nel nostro lavoro convinti che con serietà e duro lavoro, i risultati arrivano sempre. Forza Fere. Sempre!”. Simone Longarini, A.U.Ternana Calcio S.p.A“.

Non si sono ovviamente fatte attendere le repliche dei diretti interessati. Iniziamo dall’ex tecnico (provvisorio, visto che potrebbe anche tornare viste le richieste della squadra), che contattato telefonicamente dall’emittente ON TV ha dichiarato:

Ho letto la lettera di Simone Longarini e ne prendo atto, mi riservo di replicare il 1 luglio 2017, data in cui scadrà il mio contratto con la Ternana. Confermo che ad un certo punto avevo pensato di dimettermi, come avevo tra l’altro lasciato trapelare nella conferenza stampa post Ternana-Pordenone, dunque non era un segreto. Poi il mio staff mi ha invitato a riflettere ed a desistere da questo proposito. Francamente sono stato felice che mi abbiano convinto a ripensarci, perché questa squadra e questa città mi erano già entrate nel cuore. Un’altra cosa che voglio sottolineare: con il ds Larini ho avuto sempre un fantastico rapporto e mi dispiace che si possa dire o ipotizzare il contrario“.

Infine  ultimo in ordine di tempo l’ex ds Guglielmo Acri, allontanato a fine gennaio, che ha affidato le sue impressioni al portale Ternananews:

Ho letto con attenzione l’ennesima accorata lettera dell’AU ai tifosi della ternana. Non è mia consuetudine commentare le dichiarazioni di un presidente, che in questo caso si commentano in maniera più che evidente da sole. Il lavoro svolto dal sottoscritto con grandi motivazioni lo scorso anno e l’armonia che si era creata era davanti agli occhi di tutti. Sono convinto che le critiche, nel calcio come nella vita, debbano essere costruttive e non distruttive. Prendo atto comunque di ogni sua singola parola. Mi sento solo di augurare di cuore che possa finalmente trovare dei professionisti del nostro settore che non disattendano le sue aspettative e le sue ambizioni, dato che, a suo dire, fino ad oggi, nella sua gestione della Ternana Calcio, ciò non è mai avvenuto“.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>