venerdì 26 maggio 2017 - aggiornato alle ore 16:55        

L’opinione

Cei, la presidente Porzi: “Vive congratulazioni a Bassetti”

donatella porzi

PERUGIA –  “Voglio esprimere, a nome mio e di tutta l’Assemblea legislativa, le più vive congratulazioni al cardinale Gualtiero Bassetti, nominato da Papa Francesco presidente della Conferenza episcopale italiana”: così la presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Donatella Porzi. “La scelta del cardinale Bassetti – sottolinea – è un riconoscimento importante ad una figura che, nella sua

Il fascino del ciclismo torna sulle strade di casa. E risveglia le emozioni di…noi che…ci infiammammo per le imprese anche umane di personaggi che ritenemmo Campioni nello sport e nella vita.

PALAZZO_CESARONI

Lo storico e intramontabile fascino del giro d’Italia torna a coinvolgere l’Umbria. Si dice (e si scrive pure) che ai nostri giorni non è più quel tempo e quell’età…Può darsi, perché sono state cocenti le delusioni che (con la poco nobile scorciatoia del doping) ci hanno inferto campioni più o meno presunti. Però per noi,

I francesi,ansiosi di novità, hanno spazzato via la loro storia recente. E si sono affidati ad un ‘’Uovo’’ ignorandone la sorpresa. Che potrebbe rivelarsi splendida. Oppure…

PALAZZO_CESARONI

Un’ennesima conferma è venuta dalla Francia: i partiti storici (anche quelli della storia abbastanza recente) hanno chiuso il loro ciclo. Bruciati non solo dai loro errori, ma soprattutto dall’ansia di novità che ovunque spinge la pubblica opinione ad intraprendere, con molta rapidità, strade completamente diverse rispetto al passato. Solo sei mesi chi avrebbe scommesso un

La presidente Porzi: “Il lavoro è vocazione dell’uomo”

donatella porzi

PERUGIA – “Il lavoro non è soltanto un’attività ma una vocazione dell’uomo, per questo è fondamentale celebrarlo ma anche impegnarsi affinché tutti i cittadini siano messi nelle condizioni di esplicitare al meglio le proprie competenze nell’attività scelta”. Così la presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Donatella Porzi, alla vigilia del Primo maggio, citando alcune parole del cardinale Gualtiero

Il ladro e la giovane drogata. La Cronaca Nera ha quasi sempre un ‘’dietro le quinte’’ che andrebbe analizzato col desiderio di capire in quale Società viviamo

PALAZZO_CESARONI

Ogni tanto, per riflettere di più su ciò che ci circonda, vien voglia di leggere la cronaca nera in controluce. Prendiamo le due notiziole pubblicate stamattina da Umbria domani. Un uomo viene bloccato alla Cassa di un Supermercato perché cerca di svignarsela con due bottiglie di alcol e un pacchetto di caffè nascosti sotto il

25 Aprile, la presidente Porzi: “Seguire lo spirito della Liberazione”

donatella porzi

“Il 25 aprile l’Italia festeggia la Liberazione dal Nazifascismo. Un traguardo storico, raggiunto grazie all’impegno di tutti i cittadini che, fianco a fianco, combatterono per ristabilire la libertà e la democrazia. E’ proprio questo spirito, quello della leale collaborazione e della lotta per il bene comune, che deve essere d’esempio e applicato quotidianamente da tutti”.

Il delicato momento che vive il Giornalismo in Italia. Rilievi e contestazioni, ma anche un gran desideri di più robusta credibilità.

PALAZZO_CESARONI

Giornali e giornalisti sempre più sulla scena di un dibattito che testimonia vitalità democratica, ma, al contempo, segnala anche le fragilità di un’informazione che troppo spesso viene accusata di correre dietro ad un frenetico bisogno di scooppismo, prescindendo perfino dalle regole delle verifica e della verità sostanziale. Amareggia francamente sentire le contestazioni che da più

Il difficile (e sempre più aspro) rapporto fra certi giornalisti e certi politici. Lo scambio di brutte contestazioni annebbia le idee di chi vorrebbe formarsi una serena opinione.

PALAZZO_CESARONI

Giornalisti e politici, parallele non convergenti. Alla luce delle ultimissime sortite, si direbbe, in realtà, che siano sempre più divergenti. Gli uni vengono, per la gran parte, accusati di mestare sul falso, gli altri sono sotto mira perché ritenuti in piena insofferenza di fronte allo ‘’spirito indagatore’’ di chi fa cronaca. E sono randellate reciproche