Marcia della Pace, Squarta (Fdi): “Non diventi occasione per sostenere il sindaco di Riace”

PERUGIA – “La Marcia della Pace Perugia-Assisi in programma domenica 7 ottobre non si trasformi in un endorsement in favore del sindaco di Riace, Domenico Lucano, finito agli arresti domiciliari con
l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e affidamento fraudolento del servizio di raccolta rifiuti”. Così, in una nota, il consigliere regionale Marco Squarta (FdI- portavoce del centro destra).

“Sono garantista e contrario ai processi sommari poiché secondo la legge un cittadino è colpevole soltanto all’esito del giudizio definitivo della Corte di Cassazione – spiega il capogruppo di Fratelli d’Italia -. Per questo motivo non entro nel merito dell’inchiesta, ma, secondo le indagini, forzature, ancora tutte da dimostrare, sembrerebbero aver accompagnato le regole dell’accoglienza. Un tenero garantismo – aggiunge Squarta – caratterizza la vicenda giudiziaria del primo cittadino di Riace. Nei suoi
confronti si registra un atteggiamento molto più indulgente rispetto a quello riservato ad altri avversari politici lontani dall’ideologia rossa finiti al centro di inchieste risultate, peraltro, totalmente infondate in
alcuni casi. In più le farneticanti ipotesi di complottismo, tecniche e politiche, fanno semplicemente sorridere se si pensa a quando è stata avviata questa inchiesta. La Marcia della pace da Perugia ad Assisi – conclude – non diventi l’occasione pubblica per una dichiarazione di sostegno o di approvazione a Lucano”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>