Sotto il cielo di Montefalco in concerto Pupo, i Gibson Brother e Alan Sorrenti

MONTEFALCO – Un evento che contaminerà il cuore, per una estate indimenticabile tra luci e musica che rievocheranno il fascino e l’energia degli anni Sessanta e Settanta.

Sarà la città di Montefalco ad ospitare quest’anno l’esclusivo Paiper Festival, l’evento più di tendenza e coinvolgente dell’Umbria con quattro serate uniche di puro divertimento che vedranno salire sul palco ospiti internazionali e i migliori deejay italiani che hanno fatto la storia delle discoteche di tutto il mondo che proporranno le atmosfere che respiravano i figli delle stelle e i figli dei fiori.

Il programma è stato svelato lunedì 11 giugno nel corso della conferenza stampa nella Sala Fiume di Palazzo Donini a Perugia dal senatore e sindaco di Montefalco Donatella Tesei, dall’assessore al turismo del Comune di Montefalco Daniela Settimi, Carlo Delicati dell’Associazione Paiper Festival e da Massimo Botti,  curatore artistico degli allestimenti del Festival.

“Abbiamo accolto a braccia aperte il Paiper– ha spiegato Daniela Settimi, assessore al turismo del Comune di Montefalco – perché è una grandissima manifestazione, è musica, è sorrisi, è gente di diverse fasce di età che si incontra allo scopo unico di divertirsi”.

Le quattro serate del Paiper Festival saranno inserite nel grande cartellone dell’Agosto Montefalchese, l’evento organizzato dall’amministrazione comunale che lo scorso anno ha registrato 150mila presenze da tutta Italia.

“Ci ha fatto molto piacere accogliere il Paiper – ha spiegato il senatore e sindaco di Montefalco Donatella Tesei – Il Festival aprirà l’Agosto Montefalchese e mi auguro che questa visibilità che   offriamo con il Paiper possa avere un ulteriore incremento di visitatori”.

La scelta di organizzare il Paiper Festival a Montefalco non è stata casuale: “Questa è stata la città che ci ha dato maggiori garanzie – ha spiegato Carlo Delicati dell’Associazione Paiper Festival – e che ha mostrato la volontà di far crescere questa manifestazione che vuole diventare a livello nazionale. Abbiamo cercato di coinvolgere la città intera, perché il Paiper vuole essere “contaminante” e tutti quelli che partecipano possano mostrare il loro interesse a questo evento con i loro sorrisi e con l’abbigliamento”.

Quest’anno il Paiper si avvale di nuovi collaboratori: Davide Pompili, artista spoletino che ha realizzato i manifesti del Festival e un nuovo direttore di produzione Francesco d’Arcangelo. Gli allestimenti del centro storico saranno curati dall’astista Massimo Botti “che – ha svelato nel corso della conferenza stampa  – trasformeranno la città in un grande locale sotto le stelle”.

Il Paiper Festival inizia venerdì 3 agosto in piazza del Comune, che si trasformerà per l’occasione in Love Area con il concerto di Pupo, tra i più importanti cantanti italiani che farà tornare a sognare con brani come “Gelato al cioccolato”, “Su di Noi” e “Firenze Santa Maria Novella”.

Sabato 4 agosto saliranno sul palco i Gibson Brothers il gruppo francese che fu tra i primi ad introdurre l’Euro disco, lo stile che mescola il genere disco con il blues e il rock che vi faranno vibrare al ritmo della storica “Cuba”.

La serata del 5 agosto sarà invece dedicata alle Live band, con le sfilate di moda di Paiper Generation, Deejay set e la partecipazione dei ballerini della trasmissione televisiva “Tale e quale show” e “I migliori anni”.

Grande finale mercoledì 15 agosto con il concerto di Alan Sorrenti, il cantautore italiano che ha segnato un’epoca con brani come “Figli delle stelle” e con “Tu sei l’unica donna per me”.

Le serate vedranno anche la partecipazione dell’imitatore Antonio Mezzancella.

Il Paiper Festival non si concentrerà solo nella piazza del Comune, ma nel centro storico verranno allestite altre tre aree: la 54 Avenue, con musica di tendenza degli anni Settanta, il Bandiera Gialla con musica per gli over 50, e la Odissea area che proporrò i ritmi più commerciali che sono entratati nelle Hit parade.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta