Boom di erogatori di acqua: in Umbria sono 67 La regione occupa metà classifica rispetto alle altre regioni

PERUGIA – Oltre duemila le fontanelle installate in Italia e l’Umbria, con le sue 67,  si configura come una regione da metà classifica sull’argomento. A dirlo è la graduatoria dei Chioschi d’acqua stilata da Acqua Viva in collaborazione con Utilitalia e Aiaq. Di solito viene erogata alla cittadinanza  acqua potabile trattata, refrigerata e gasata in forma gratuita o, in alcuni casi, ad un costo bassissimo (solo il 36% delle installazioni richiedono 5 centesimi a litro per l’acqua refrigerata e/o gasata). Sono i Chioschi dell’acqua, un servizio per il cittadino che valorizza l’acqua a km zero che in Italia ha registrato una crescita progressiva, passando da 213 installazioni nel 2010 a 2016 nel 2017.

Le 5 Regioni più attive sono: la Lombardia con 574 installazioni, il Lazio con 271, il Piemonte con 233, l’Emilia-Romagna con 181 e la Toscana con 150. Il fenomeno, iniziato in Lombardia sta pian piano contagiando anche le Regioni del Centro-sud che negli ultimi anni hanno visto una forte adesione soprattutto in Abruzzo (90 installazioni), Marche (79) e Umbria (67).

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>