Foligno, arriva il “treno verde” di Legambiente: recuperate 5mila tonnellate di pneumatici La città di gomma riciclata arriva in Umbria. Il convoglio sosterà alla stazione fino al 18 marzo

FOLIGNO – Arriva in Umbria il “treno verde” di Legambiente, con un’intera carrozza trasformata in città sostenibile itinerante. Sarà possibile toccarla con mano alla stazione ferroviaria di Foligno, dal 16 al 18 marzo, grazie all’allestimento realizzato da Ecopneus per la storica campagna itinerante di Legambiente che fino al 31 marzo toccherà 12 città italiane. La terza carrozza dello speciale convoglio è dedicata interamente alla filiera del recupero e riciclo dei pneumatici fuori uso (PFU), di cui in Italia Ecopneus è tra i principali responsabili gestendo mediamente 250mila tonnellate di PFU ogni anno, che equivalgono in peso a oltre 500 treni ad alta velocità.

La città ideale è così composta: a terra una confortevole pavimentazione anti trauma realizzata con oltre 1.000 kg di gomma riciclata dai Pneumatici Fuori Uso, sagomata e colorata per ricrearne alcune delle sue principali applicazioni, come ad esempio campi da tennis, piste ciclabili e per l’atletica. Sulle pareti, illustrazioni, giochi e installazioni con cui grandi e piccoli potranno seguire un percorso educativo per toccare con mano l’importanza di un corretto riciclo dei PFU e le molteplici applicazioni della gomma riciclata. Un modo per capire da vicino cosa sia l’economia circolare, in cui i materiali a fine vita sono reinseriti nei processi produttivi e industriali per realizzare nuovi materiali e trasformare i Pneumatici Fuori Uso in nuove idee ecosostenibili, affinché per ogni fine ci sia sempre un nuovo inizio.TrenoVerde2
E se la gomma riciclata nel treno verde trova applicazione nella città ideale di Legambiente, in quelle che viviamo ogni giorno è una preziosa risorsa in molti settori come gli asfalti, rendendoli più silenziosi, durevoli e sicuri; nell’edilizia grazie alle ottime proprietà fonoassorbenti e antivibranti; nello sport, dove garantisce l’ottimale risposta elastica per l’atleta, la capacità di assorbimento degli urti, la resistenza alle deformazioni e agli agenti atmosferici.

Tante valide soluzioni e idee eco sostenibili, rese possibili dalle quotidiane attività di raccolta dei PFU di Ecopneus, che in Umbria hanno consentito di recuperare nel 2016 circa 5.000 tonnellate di Pneumatici Fuori Uso: equivalenti in peso a oltre 550.000 pneumatici da autovettura, se li mettessimo in fila formerebbero una “striscia” lunga 275 km, la distanza tra Perugia e Bologna. La raccolta di PFU nella Regione è suddivisa a livello provinciale tra le 3.901 tonnellate di Perugia e le 1.045 tonnellate raccolte a Terni.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>