Licenziamento all’Onaosi, la Fp Cisl: “Mobilitazione”

PERUGIA – Licenziamento all’Onaosi. Un episodio che ha fatto andare sulle barricate la Uil.  “Nelle ultime ore la CISL FPUmbria e il coordinamento nazionale CISL Onaosisono venuti a conoscenza del licenziamento senza preavviso di un collega che vanifica 23 anni di onorato servizio e riduce a una fredda presa d’atto un provvedimento che mina la vita di una famiglia”.

“Chi sta licenziando? E’ l’Onaosi che licenzia, il Presidente Serafino Zucchellif a suo il provvedimento di licenziamento proposto dal Direttore Mario Carena che, dopo una istruttoria lacunosa e fondamentalmente incapace di raccogliere le necessarie informazioni, se ne frega del principio di proporzionalità della sanzione. La CISL FP Umbriae il coordinamento nazionale Onaosi reagirà con tutti gli strumenti democratici e legali a disposizione”.

“Questa classe di Amministratori dimostra arroganza e una insensibilità fuori dal comune – prosegue la nota del sindacato – degna della peggior fama di “padroni della ferriera di antica memoria” e, purtroppo, registriamo l’allontanamento da quanto il Consiglio nel 1901 proponeva“Il nostro Collegio Convitto verrà in futuro a rappresentare, più che un’Opera Pia, una mutua società di assicurazione costituita però con larghi criteri di beneficio altruistico e di solidarietà di categoria”.

“Oggi la Fondazione Onaosi rappresentata dal Presidente Serafino Zucchelli riprende questo principio licenziando i lavoratori, quei lavoratori che attraverso il loro lavoro e il sostegno delle Organizzazione Sindacali hanno invece sostenuto la Fondazione Onaosi nei momenti bui e difficili che avrebbero potuto portare alla chiusura dell’Onaosi stessa. Invece l’Onaosi non perde occasione per esasperare gli animi ed avvelenare il clima tra i lavoratori e le lavoratrici vanificando il lavoro sindacale che fin qui ha rappresentato il punto di forza per superare gli ostacoli endogeni ed esogeni. Per i prossimi giorni la CISL FPe il coordinamento nazionale CISL Onaosi chiederà alle altre OO.SS. di proclamare lo Stato di Agitazione che si concretizzerà anche con comunicazioni ai Ministeri Vigilanti sullo stato della gestione della Fondazione”.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta