Terni, movida molesta e furti, il Comitato per l’ordine pubblico corre ai ripari

TERNI – L’incremento dei furti in abitazione ad Amelia, l’allarme per i colpi allo stabilimento delle acque minerali Tione di Orvieto, ma anche la sicurezza e la quiete degli abitanti del centro storico di Terni, “braccati” dalla movida molesta. Sono stati questi i temi affrontati in Prefettura nel corso della riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica.

All’incontro, presieduto dal prefetto Gianfelice Bellesini, ha partecipato, insieme al questore, Carmine Belfiore, e ai vertici locali delle forze di polizia, il sindaco, Leopoldo Di Girolamo.

Nel corso della riunione, sono stati sentiti alcuni residenti, organizzati in un Comitato di fatto, che hanno illustrato nel dettaglio le condizioni di degrado in cui versa la zona, a causa dei comportamenti che verrebbero tenuti da alcuni gruppi di giovani, abituali frequentatori del bar.

Schiamazzi, anche a tarda notte, ubriachezza molesta, danneggiamenti, alcune tra le più gravi condotte denunciate e per le quali viene invocata una strategia complessa di interventi.

In proposito, il sindaco ha assicurato che, anche sulla base delle previsioni del “Patto per Terni sicura” recentemente sottoscritto, sono previsti interventi mirati, come l’implementazione del sistema di videosorveglianza nella zona interessata e la ripulitura, già disposta, delle mura dei palazzi e degli arredi urbani dalle scritte che li imbrattano, per riqualificare l’area e ripristinarvi condizioni di maggiore decoro urbano.

Pur nella consapevolezza che le circostanze lamentate non possono essere affrontate e risolte solo dalle forze di polizia, al fine di dare comunque concreta ed efficace risposta alle istanze degli abitanti della zona, si è stabilito di programmare sul posto una serie di mirati, straordinari servizi di vigilanza e prevenzione da parte della Questura, con il concorso della polizia municipale e delle altre forze dell’ordine.

Massima attenzione è stata, infine, garantita sotto il profilo delle azioni possibili in via amministrativa, per le quali verrà attivato un apposito tavolo tecnico in Comune.

Con la partecipazione del sindaco di Orvieto, Giuseppe Germani, è stata, quindi affrontata la questione dei numerosi furti che in queste ultime settimane hanno riguardato lo stabilimento di Orvieto per l’imbottigliamento dell’acqua minerale Tione, attualmente sottoposto a procedura fallimentare.

Gli episodi alimentano, infatti, forti preoccupazioni per la salvaguardia ed il futuro del sito produttivo.

In attesa della pubblicazione del bando per la ricerca di imprenditori interessati al rilancio dell’azienda, è stata suggerita al curatore l’attivazione di un servizio di vigilanza interna fissa che, all’occorrenza, possa richiedere il tempestivo intervento delle forze di polizia, le quali, comunque, continueranno ad assicurare la vigilanza esterna dell’area, attraverso frequenti passaggi delle rispettive pattuglie in servizio sul territorio.

Altro argomento all’attenzione dei componenti del Comitato, è stato l’incremento dei furti in abitazione segnalato nei giorni scorsi dal sindaco di Amelia, Riccardo Maraga.

Il fenomeno, già noto ai vertici delle forze di polizia ed affrontato attraverso la predisposizione di mirati servizi straordinari di prevenzione, è favorito dalla prossimità del territorio comunale alle maggiori vie di comunicazione che facilitano i c.d. “pendolari” del crimine. Insieme all’intensificazione delle azioni già in essere, è stata, pertanto, auspicata anche una maggiore collaborazione della cittadinanza nell’adozione di tutte le necessarie misure di cautela a difesa della proprietà privata.

Su segnalazione del direttore dell’Ati 4, Roberto Spinsanti, che aveva scritto al Prefetto nei giorni scorsi, è stata presa in esame anche la questione dei frequenti furti di materiale recuperato dalla raccolta dei rifiuti urbani presso i centri a ciò deputati della provincia.

Le preoccupazioni riferite riguardano tanto il rischio di dispersione di rifiuti nell’ambiente quanto la perdita di ricavi del servizio per la mancata vendita dei materiali valorizzabili, come i metalli.

Sul punto, altre alla campagna di controlli già svolta dalla polizia forestale, verrà condotta una forte azione di sensibilizzazione degli addetti ai centri sulle funzioni di controllo di relativa competenza.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>