Calcio, sbarca oggi a Perugia la nazionale Under 21 Gli azzurrini tornano al Curi dopo ben 22 anni. I precedenti e il programma della tre giorni perugina

PERUGIA – Quattro anni dopo la Perugia sportiva si colora nuovamente di azzurro. Questa volta non sarà la nazionale maggiore ad esibirsi sul prato del Curi come il 4 giugno del 2014 quando affrontò il Lussemburgo nell’ultima amichevole prima di partire per il fallimentare mondiale brasiliano, ma l’Under 21, guidata ad interim dall’ex centrocampista di Milan e Sampdoria, nonchè della stessa nazionale, Alberico Evani. Davvero una vetrina importante per il capoluogo umbro, che ha saputo rialzare la testa in questa stagione grazie ai risultati recenti del Perugia Calcio che si è riportato in piena corsa per la serie A dopo un autunno pieno di problemi. Si giocherà contro la Norvegia giovedì 22 marzo con fischio di inizio fissato per le 18:30, con il ct che potrà iniziare a compiere i primi esperimenti in vista del Campionato Europeo di Categoria che si svolgerà proprio in Italia il prossimo anno, per il quale passa anche la possibile qualificazione alle olimpiadi di Tokyo 2020 (evento, occorre ricordare, a cui la nostra nazionale non partecipa dal 2008). Diversi i volti noti che gli sportivi perugini conoscono bene: dall’attaccante biancorosso Alberto Cerri, che torna tra i convocati dopo quasi sei mesi, l’esterno offensivo Vittorio Parigini, che ha vestito la maglia del Perugia dal 2014 al 2016, fino ad arrivare al difensore Gianluca Mancini, che proprio a Pian di Massiano si è affermato nel biennio 2015 – 2017 e ora è tenuto in grande considerazione da Gian Piero Gasperini, suo allenatore all’Atalanta.

PERUGIA, UNA CITTA’ PORTAFORTUNA PER GLI AZZURRINI – Sarà la quarta volta che l’Under 21 giocherà a Perugia. Quello del Curi è un campo decisamente favorevole: nei tre precedenti finora disputati, tutti con Cesare Maldini alla guida, due sono le vittorie italiane, mentre il rimanente confronto è terminato in pareggio. Partiamo da quest’ultimo: il 12 novembre del 1987 l’Italia incontrò la Svezia in amichevole e la partita si concluse 0-0. Ma è proprio il caso di dire che la città del cioccolato è un autentico portafortuna per questa squadra per una ragione particolare: ogni qual volta che vi ha giocato alcuni mesi prima di un campionato europeo se l’è poi aggiudicato. Nel 1992 si trattava addirittura di un incontro ufficiale: si giocava la semifinale di ritorno della competizione continentale di categoria contro la Danimarca e, dopo il rassicurante 1-0 conquistato in trasferta, gli azzurrini vinsero 2-0 grazie alle reti di Buso e Muzzi. Il risultato, netto, fece da apripista al primo dei tre trionfi consecutivi nella doppia finale contro la Svezia (2-0 a Ferrara e 0-1 a Växjö). Quattro anni dopo invece si tornò a giocare in amichevole, questa volta contro l’Ungheria. Finì con un altisonante 4-0, con reti di Vieri, Galante e di un giocatore in piena ascesa che faceva la spola tra l’Under e la nazionale maggiore, Alessandro Del Piero, autore di una splendida doppietta. Fu lui l’ultimo mattatore delle sfide giocate in Umbria. Per la cronaca anche la primavera successiva fu un trionfo per i ragazzi di Maldini, che alzarono la Coppa a Barcellona dopo aver avuto la meglio su Francia e Spagna (leggendaria la finale contro i padroni di casa quando la squadra dei vari Nesta, Cannavaro e Panucci la spuntò ai rigori dopo essere rimasta in nove uomini a causa di alcune decisioni cervellotiche e casalinghe del direttore di gara, l’austriaco Benkö).

IL PROGRAMMA: ITALIA A PERUGIA DA STASERA – L’avventura della squadra di Evani a Perugia inizierà piuttosto presto. Dopo l’allenamento delle 15:30 in programma nella sede del ritiro, vale a dire il Mancini Park Hotel di Roma, la comitiva azzurra si trasferirà al Hotel Best Western 4 Torri di Ellera di Corciano. A corollario dell’evento sono previste altre iniziative importanti, specie nella giornata di mercoledì, quando è in programma alle 14 nella Sala della Vaccara di Palazzo dei Priori la conferenza stampa di presentazione della partita, a cui parteciperanno il ct Evani, il sindaco Andrea Romizi, l’assessore con delega allo sport Emanuele Prisco, il presidente del Perugia Calcio Massimiliano Santopadre ed infine il responsabile organizzativo delle Nazionali Giorgio Bottaro. Alle 15:30 invece si terrà al Curi l’allenamento, aperto ai media per il primo quarto d’ora, preceduto da un incontro delle scuole calcio con due calciatori presso lo stadio stesso. Giovedì 22 sarà il giorno della partita con la conferenza stampa al termine di essa, mentre venerdì, dopo l’allenamento (a porte chiuse) che si svolgerà presso il Centro Sportivo di Solomeo, la squadra farà ritorno a Roma dove inizierà a preparare la seconda amichevole, quella del 28 di marzo di Novi Sad contro la Serbia. Dopo tanti anni Perugia tornerà dunque per tre giorni al centro del panorama calcistico nazionale.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>