Perugia, la prossima settimana si decide per Moscati. Santopadre: “Fiducia e serenità per puntare in alto”

Il Perugia inizia a stringere per i suoi primi obbiettivi di mercato. Quello che appare più vicino è un cavallo di ritorno, chi ha scritto una pagina indelebile nella storia recente del Grifo, vale a dire Marco Moscati (1992), reduce da un buon campionato con la maglia del Novara, purtroppo terminato con la retrocessione. C’è ottimismo, dato che il giocatore ha manifestato a più riprese la volontà di tornare a vestire il biancorosso, andandoci anche vicino un paio di anni fa, ma è chiaro che bisognerà scontrarsi con la volontà del Novara, che non sembra disposto a fare particolari sconti. L’offerta fatta dai Grifoni ammonta a 300 mila euro con un ingaggio importante, e la sensazione è che in settimana saranno attese novità determinanti.

Non solo mercato però in casa Perugia. E’ tornato a far sentire la propria voce anche il presidente Massimiliano Santopadre, che ha parlato a margine di un importante evento di marketing. Ai microfoni di www.tifogrifo.com il massimo dirigente non lascia ma raddoppia: “Mi sento di dire che rinnovo la mia volontà di far crescere ulteriormente il club, di metterci tutto me stesso, di fare le cose per bene, come credo di aver fatto in questi sette anni di presidenza. Cercherò di migliorare in alcuni aspetti; uno riguarda la vicinanza alle persone. Ho sempre avuto un rapporto bellissimo con la curva Nord, anche se quest’anno c’è stata la assoluta necessità di ripartire da zero. Bisognerà non commettere più gli stessi errori e migliorare le cose buone che c’erano prima. È stato un rapporto meraviglioso e mi auguro che continui ad esserlo nei prossimi anni”.

Diversi i temi trattati nello “Sponsor Day”: “Abbiamo illustrato gli impegni del club al di fuori del campo di calcio. Abbiamo affrontato le tematiche relative al progetto che riguarda lo stadio. Da parte mia c’è la volontà di andare avanti. Stiamo cercando il modo adeguato per procedere nel progetto. Abbiamo disputato un triangolare che si è svolto in una magica atmosfera. C’è stata una riunione importante tenuta dal responsabile del marketing, Marco Santoboni, con Stefano Politelli, Giorgia Mastrini e Valentino, l’ultimo arrivato nella famiglia del marketing. Hanno illustrato in maniera estremamente professionale, e devo dire anche stupenda, il loro presidente. Il nostro sito web ha toccato quasi un milione di visitatori, 972.000, e lei comprenderà bene l’importanza dell’evento, visto che dirige un importante giornale web. Perugia è composta da circa 150.000 abitanti e le visite sul sito web del Perugia calcio sono state quasi un milione, circa 160.000 visite in più rispetto alla scorsa stagione. Siamo stati primi in classifica come numero di accessi al sito web, ed abbiamo gareggiato e vinto contro città come Bari, Palermo, Parma, dall’importante blasone così come il nostro, ma più numerose in termini di popolazione. Questi sono successi eclatanti che vanno al di là di quanto accade nel rettangolo di gioco. Stiamo ultimando alcune opere, come la realizzazione di sei sky box da otto postazioni in tribuna centrale, abbiamo rinnovato l’area hospitality, ampliandola da 40 a 200 metri quadri. Siamo stati molto presenti in ambito sociale. La serata si è poi conclusa con un aperitivo”.

Il 7 luglio partirà la nuova campagna abbonamenti con un solo obbiettivo: “Quest’anno abbiamo capito tutti quanto sia importante essere uniti e compatti per raggiungere la tanto agognata serie A”.

Chiusura con un messaggio ben preciso: “Chiedo serenità e fiducia nel lavoro del club. Le potenzialità le conosciamo tutti. Sapete cosa voglio, qual è la mia ambizione, altresì conoscete anche le difficoltà economiche e sportive. Spendere tanto non vuol dire automaticamente vincere. Goretti e Pizzimenti saranno impegnati nella ricostruzione della squadra per almeno il 60% della rosa attuale. Ribadisco una cosa che ho già espresso ed ho anche promesso: non tollererò mai più risposte negative nei confronti del pubblico da parte dei nostri tesserati. Sono professionisti e devono accollarsi oneri e onori. Quando scelgono Perugia, devono essere in gradi di reggere determinate pressioni”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta