Notte Nazionale del Liceo, a Gubbio il Mazzatinti non delude

GUBBIO – I licei classici dell’Umbria sono stati impegnati ieri nella “Notte nazionale del liceo classico”, una iniziativa giunta alla quinta edizione e che punta alla diffusione della cultura classica in un mondo sempre più veloce.

A Gubbio è stato il liceo Mazzatinti, vestito a festa, a fare da location a questo appuntamento che ogni anno non delude le aspettative. Quest’anno, gli ospiti d’eccezione erano il giornalista Piero Badaloni e la presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Donatella Porzi. A coordinare i lavori la vulcanica dirigente scolastica Maria Marinangeli, insieme al sindaco Filippo Stirati.

Ad aprire la serata un omaggio degli studenti a Fabrizio De Andrè, poi il saluto della presidente Porzi: “Grande iniziativa che accende i riflettori su una scuola capace di formare ed educare al meglio – ha detto – I miei complimenti, personali e istituzionali, alla dirigente scolastica Maria Marinangeli e ai suoi collaboratori per l’iniziativa messa in campo, con importantissimi ospiti come Piero Badaloni e che ha avuto il dialogo come filo conduttore”.

Dal sindaco Stirati il richiamo e le citazioni proprio al dialogo nella cultura classica, mentre Piero Badaloni, in un dialogo con gli studenti, si è soffermato sull’importanza della parola anche oggi, nell’epoca del rap e del trap.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta