Castano lascia il Mise, la politica si divide

PERUGIA – Giampiero Castano, il funzionario che ha seguito tutte le crisi aziendali degli ultimi anni, non è più al Mise. La notizia era rimbalzata sui social e ha visto differenti reazioni. Si registra da un lato l’esultanza dei 5 Stelle. “Ho accolto con grande soddisfazione la mancata conferma al vertice dell’Unità di Crisi di Giampiero Castano – lo afferma in una nota il Senatore Stefano Lucidi – un passo importante e necessario per uscire dalla gestione a dir poco fallimentare degli ultimi anni”.
Giampiero Castano era a capo della UGV – Unità di Gestione delle Vertenze per le crisi di impresa, che sovrintendeva ogni anno oltre 100 tavoli di crisi per centinaia di migliaia di soggetti coinvolti tra lavoratori e famiglie.
“Per chi come me ha seguito da vicino e costantemente crisi aziendali questa è una notizia da tanto attesa – afferma il Senatore Umbro – basti pensare alla vicenda dell’azienda umbra Novelli che proprio negli uffici del MISE sotto la guida di Castano dal 2013 è stata incanalata in un circolo vizioso che ha condotto poi nel 2016 la realtà agrolimentare dentro un tunnel giudiziario senza precedenti”.

“Il fatto che l’ex Ministro Calenda oggi rimpianga la figura di Castano giudicando un errore la mancata riconferma – chiude severamente il portavoce pentastellato – ci da la cifra della distanza che esiste oggi tra il PD e i lavoratori, cioè tra la Classe dirigente radical chic italiana e le famiglie dei lavoratori”.

A rimpiangere Castano era stato propri Calenda: “Dopo molti anni a capo dell’unità di gestione dei tavoli di crisi, ha lasciato il Mise Giampiero Castano. Un assoluto fuoriclasse capace di ritmi di lavoro incredibili. Ovviamente Luigi di Maio ha pensato di poterne fare a meno”. L’ex viceministro e sottosegretario De Vincenti: “Se il Mise rinuncia a Giampiero Castano capo dell’unità di crisi, dà un’altra prova di indifferenza per il destino di tanti lavoratori di aziende in difficoltà. Per il bene del Paese c’è da augurarsi che non sia così”. “Lascia il Mise Giampiero Castano, colonna portante dell’unità di gestione dei tavoli di crisi. Un grande professionista, stimato, serio e di solida competenza. Persona perbene e onesta. Abbiamo fatto tanto lavoro insieme. Orgogliosa di aver percorso un pezzo di strada con lui”, twitta Teresa Bellanova.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>