lunedì 23 ottobre 2017 - aggiornato alle ore 02:39        

Assisi, 19 imprese agricole finanziate con il progetto “P.Unto” Il Comune e alcune aziende agricole del territorio si costituiscono in associazione temporanea di scopo

P.UNTO

PERUGIA – Fare squadra per valorizzare le produzioni enogastronomiche e tipiche del territorio: è nato su queste basi il progetto P.UNTO con il quale il Comune di Assisi insieme ad altre 19 aziende agricole si è costituito in Associazione Temporanea di Scopo. Una formula vincente cui è seguita l’ammissione a finanziamento della Regione Umbria nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale 2014/2020 per il bando sugli aiuti per attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali.

L’importo complessivo dei finanziamenti per le aziende ammonta a 141.875,52€ in due anni e la metà della cifra è destinata all’acquisto di prodotti.

Lunedi la firma del protocollo tra il comune di Assisi, la società capofila “FORMA.Azione srl” e le aziende sottoscrittrici del progetto (azienda agricola Letizia Brunozzi; società agricola Ke bio; società agricola Mariotti, azienda agricola Dionigi S.s agricola, azienda agricola B.B Giardino fiorito; agriturismo Colle degli Ulivi, società agricola Saio; cantina Terre de’ Trinci; società agricola Panzo ; società agricola Boscovecchio; azienda agraria La Montagnola; Fattoria di Opagna, azienda agricola Salvatori Alessandro; agricola Draoli Tenute dei Carapelli; azienda agricola Valorosi Rossano, azienda agricola Il Castello, agricola Nizzi; azienda agraria Il Cantico).

L’associazione temporanea –come recita il protocollo- è nata allo scopo di sviluppare i trend di crescita della vendita diretta per garantire una maggior redditività ai produttori agricoli che hanno partecipato, attraverso la promozione e lo sviluppo di una strategia promozionale e di vendita che permetterà di pubblicizzare in forma collettiva i prodotti locali o da filiera corta.

L’impegno consisterà nell’attuare campagne informative e promozionali a diffusione locale per aumentare nel consumatore la consapevolezza nelle scelte alimentari attraverso degustazioni, assaggi laboratori didattici e rapporti commerciali con i canali Horeca (Hotellerie, Restaurant, Catering).

“Il Comune di Assisi –ha spiegato il vicesindaco Valter Stoppini al momento della sigla del documento programmatico- si impegnerà nel mantenere le linee guida strategiche del progetto contribuendo alla definizione delle strategie promozionali di valorizzazione delle produzioni locali mettendo a disposizione le sedi istituzionali e sostenendo le attività di cooperazione per la promozione del progetto di sviluppo rurale. Una delle opportunità che questa Amministrazione ha voluto cogliere per valorizzare il suo straordinario patrimonio rurale: un fattore di primaria importanza per lo sviluppo economico e turistico del nostro territorio”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta