venerdì 26 maggio 2017 - aggiornato alle ore 16:48        

Assisi, teleriscaldamento anche per il Sacro Convento

assisi teleriscaldamento

ASSISI – Il teleriscaldamento ad Assisi è già una realtà ed Alea Heat & Power, società che fa parte del gruppo Elettra Investimenti SpA (quotata alla borsa di Milano) e titolare, dall’ottobre 2015, del teleriscaldamento di Assisi, ha condiviso il percorso compiuto finora e quello che verrà durante un incontro, svoltosi nel pomeriggio del 18 maggio all’Hotel Cenacolo di Assisi, con il sindaco Stefania Proietti. Presenti Andrea Cogliati, Amministratore Delegato di Alea Heat & Power Srl, che ha esposto il ruolo della società da ottobre 2015 ad oggi; Danilo Piermarini, direttore tecnico dell’azienda, intervenuto sul tema degli sviluppi recenti e prospettive del Teleriscaldamento di Assisi; e il sindaco di Assisi Stefania Proietti, che ha concluso i lavori con un intervento sulla sostenibilità ambientale come nuovo paradigma di sviluppo per la Città di Assisi.

Nel corso dell’ultimo anno, Alea Heat & Power ha allacciato 13 nuove grandi utenze per un incremento di circa 3.000 MWh termici forniti, con la previsione di arrivare a 12.000 MWh termici totali nel 2017 (contro i 7.000 MWh del 2015 ed i 8.300 MWh del 2016). Ad Assisi il teleriscaldamento è attivo dal 2008-2009, quando è stato realizzato un impianto che vanta una centrale di produzione, localizzata a ridosso della superstrada (loc. Caminaccio) ove viene prodotta l’acqua calda che entra nel circuito della rete; una rete di distribuzione sotterranea, che trasporta l’acqua calda dalla centrale agli edifici da riscaldare, della lunghezza di circa 13 km, che attraversa parte del territorio di Santa Maria degli Angeli, per arrivare ad Assisi (anello). “Il teleriscaldamento – ha spiegato Cogliati – è un sistema di riscaldamento urbano a basso impatto ambientale, che consiste nella distribuzione di acqua calda alle utenze (proveniente da una centrale di produzione) attraverso una rete di tubazioni isolate e interrate”. Un’energia che conviene anche al Comune di Assisi, che con l’aumento di produzione ha potuto e potrà beneficiare di crescenti royalties. Ma il teleriscaldamento ad Assisi non si ferma e anzi, migliora: “L’attuale campagna di allacci – ha anticipato Piermarini – prevede un incremento di ulteriori 10 allacci realizzati entro la prossima stagione termica (a partire da Ottobre 2017) per un ulteriore incremento di circa 2.000 MWh/anno di energia termica fornita”. Tra i nuovi allacci alla rete del teleriscaldamento, quello del Sacro Convento, che ha comportato la realizzazione di uno stacco sulla rete di teleriscaldamento di circa 270 mt con tubazione preisolata diametro 150 mm. “La sottostazione di utenza della potenza di 1000 kW – ha annunciato Piermarini – fornirà riscaldamento all’intero complesso per una quantità di energia termica stimata di circa 800.000 kWh/anno”. ALEA HEAT & POWER SRL, Via Duca del Mare, 19 – 04100 Latina Ufficio di Assisi (PG): Via Aldo Moro, 33 tel 075.8043667 Società soggetta a direzione e coordinamento di Elettra Investimenti SpA www.elettrainvestimenti.it Ma ciò che è già realtà, può essere sempre migliorato: “Tenendo in considerazione l’evoluzione dello scenario energetico – è stato spiegato ancora – riteniamo che l’impianto di Teleriscaldamento negli anni a venire potrà essere oggetto di modifiche nella sua configurazione in particolar modo sul lato della produzione dei vettori energetici in modo da divenire un impianto in cui la produzione da fonti rinnovabili assumerà un ruolo progressivamente crescente”.

Si è detta concorde il Sindaco Stefania Proietti: “L’infrastruttura di Assisi è molto importante per la sostenibilità ambientale, questa rete trasporta acqua ma è anche un sistema che genera energia e calore, permettendo di abbassare i costi ma anche i pericoli, eliminando i bruciatori. Assisi – conclude la prima cittadina – si dimostra all’avanguardia nell’ottica dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale, tra i cardini del mio programma”. *** Teleriscaldamento di Assisi – I dati tecnici La centrale di produzione è situata nella Zona industriale del Caminaccio di Santa Maria degli Angeli presso la quale vengono prodotti l’energia termica ed elettrica. L’energia elettrica viene immessa nella rete nazionale, mentre l’energia termica viene immessa nella rete di Teleriscaldamento. Una rete di distribuzione che provvede a distribuire agli utenti allacciati alla rete l’energia termica per mezzo di un vettore termico (acqua calda ad 85°). Per ovviare alle differenze altimetriche fra la centrale di produzione e il punto più elevato della rete, è stata realizzata una stazione di rilancio a servizio del centro di Assisi capoluogo. Le sottostazioni di scambio termico vengono posate presso il cliente finale e provvedono a scambiare l’energia termica trasportata dalle rete con l’impianto termico del cliente.

La rete di teleriscaldamento di Assisi-Santa Maria degli Angeli è costituita da circa 10,6 km di dorsali principali e da circa 3,5 km di stacchi per un totale di tubazioni posate di circa 14,1 km. La centrale di produzione è dotata di tre Motori Endotermici di marca MTU alimentati a Gas Metano per una potenza elettrica complessiva di 3,8 MW e potenza termica di circa 4,2 MW. Ogni cogeneratore è dotato di analizzatore in continuo delle emissioni in atmosfera. Ci sono poi 4 Caldaie di integrazione e backup della potenza complessiva di 15 MW di potenza termica alimentate a gas metano dotate ciascuna di sistema di monitoraggio in continuo di O2 e CO. Sono invece sei le pompe controllate da convertitore di frequenza per la pressurizzazione della rete di distribuzione controllate in automatico dal sistema di controllo della rete. La Centrale di produzione è costantemente monitorata da un software di supervisione che provvede alla registrazione e storicizzazione di tutti i dati di produzione oltre a permettere l’impostazione di tutti i parametri di funzionamento della Centrale e della rete. Tale sistema permette di far intervenire in maniera automatica le caldaie di backup e integrazione in caso di insufficiente produzione di energia termica da parte dei 3 cogeneratori. Le tubazioni utilizzate sono tubazioni preisolate per teleriscaldamento con isolamento in poliuretano e consentono di contenere al minimo eventuali perdite nel caso interviene un sistema di rilevamento delle perdite al fine di poter intervenire in maniera immediata e mirata.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta