“Sul Liberati e il Palasport interlocuzione con il privato”

“Siamo seriamente preoccupati per quanto sta accadendo nell’area dello Stadio – dichiarano i consiglieri comunali del gruppo Misto Federico Brizi Valeria D’Acunzo –  stiamo assistendo a un degrado continuo e costante. Siamo stati il primo gruppo politico a porre il tema del palazzetto a chiedere all’Amministrazione Comunale di proseguire nell’interlocuzione con la società di livello nazionale che aveva presentato, nell’ambito di una gara pubblica, una offerta di realizzazione. L’Amministrazione comunale non ci ha dato ascolto, ora siamo di fronte a una situazione di stallo che riguarda tutta l’area dello stadio. Noi riteniamo che  l’Amministrazione comunale debba aprire una interlocuzione con i privati,  ad iniziare dalla Ternana Calcio, l’unico soggetto, finora, utilizzatore di quell’area, l’unico soggetto che ha investito risorse proprie sul Liberati.
D’altronde è chiaro a tutti che l’Amministrazione Comunale, visto lo stato di dissesto dell’Ente, non è in grado di investire sul Liberati né sulla realizzazione del palazzetto. Si tratta di strutture fondamentali per Terni, ancora di più nell’ottica della nuova candidatura di Terni a Città europea dello sport 2021.
Per questo riteniamo che fondamentale sia la capacità di attrarre investimenti privati, per questo il sindaco e l’assessore allo Sport dovrebbe lavorare a un’intesa con soggetti esterni affinché si prendano in carico tutta la sistemazione dell’area dello stadio, dotando la città di due impianti nuovi, capaci di svolgere un ruolo importante nelle manifestazioni sportive di livello nazionale.
Chiediamo alla amministrazione, nel massimo rispetto di tutte le procedure pubbliche, di mettere in campo quella dinamicità che non abbiamo riscontrato nell’affrontare il problema del mercato coperto dove si sta andando a un braccio di ferro con l’acquirente che rischia solo di aumentare il degrado di un quartiere centralissimo”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail