Carabiniere hard, la Procura chiude le indagini La difesa ha chiesto il rito abbreviato. Tre le donne accusatrici

GUALDO TADINO – Chiuse le indagini della Procura sul caso del carabiniere Stefano Tittarelli, accusato di violenza sessuale, adescamento di minorenni e concussione. Tre le donne con cui l’uomo avrebbe fatto sesso: una prostituta in caserma, una minorenne affetta da disturbi psichici e con una sedicenne fotografata in intimo avrebbe millantato conoscenze di alta moda. L’avvocato Nicola Di Mario, con il rito abbreviato, potrebbe ottenere uno sconto della pena di un terzo

Tittarelli è stato incastrato dalla sua vanità. Decisivi nel processo sono stati i video e le foto rintracciate dai colleghi in seguito alla denuncia di una sedicenne.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>