Perugia, via libera al recupero dell’ex tabacchificio di via Cortonese Palazzo dei Priori approva la variante: abolizione degli edifici esistenti e costruzione di nuovi

PERUGIA – C’è il via libera sulla prima fase di recupero dell’ex tabacchificio di via Cortonese. Palazzo dei Priori ha dato il via libera alla variante dopo anni di discussioni. L’idea alla base della decisione della giunta è la demolizione di edifici esistenti e la costruzione di nuovi con tanto di gestore di comunità per “creare relazioni tra condomini”.

L’investimento dovrebbe essere privato e con significative ricadute, dando vita a servizi come un asilo e spazi comuni per le associazioni. La società proprietaria del complesso ha già indicato il soggetto realizzatore del progetto. Un’idea secondo cui i nuovi spazi sarebbero da destinare ad edilizia residenziale di qualità. La variante approvata è anche necessaria per consentire anche un intervento in social housing. Questo tipo di abitazioni saranno destinate alla cosiddetta “fascia grigia”, giovani, anziani, giovani coppie e separati, che hanno difficoltà ad accedere alla casa.

Le abitazioni in social housing – viene spiegato – non saranno destinate alle persone che hanno i requisiti per accedere all’edilizia residenziale pubblica, «bensì alla cosiddetta “fascia grigia” della popolazione (giovani, anziani, giovani coppie, genitori separati), che, da una parte, ha difficoltà di accesso alla casa per ragioni patrimoniali o legate al rapporto di lavoro, mentre, dall’altra, ha necessità di costruire relazioni interpersonali. Le modalità di accesso alle abitazioni e gestionali (es. requisiti soggettivi, prezzo) saranno disciplinate da un’apposita convenzione tra soggetto attuatore ed Amministrazione comunale».

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>