Terni, Fontana di piazza Tacito, ultimatum della Fondazione: “La soluzione entro 12 mesi o tagliamo i finanziamenti”

TERNI – Se entro 12 mesi non si risolverà la questione del restauro dei mosaici della fontana di piazza Tacito, la Fondazione Cassa di risparmio di Terni è pronta a revocare i finanziamenti già deliberati per il progetto: è questo l’ultimatum lanciato al termine di una nuova riunione sul tema che si è tenuta oggi e alla quale hanno partecipato anche Comune e Soprintendenza.
Secondo una nota della Fondazione infatti, a quasi due anni dall’avvio del progetto, “a fronte della perdurante assenza di elementi certi da parte della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici dell’Umbria” non si può più “perdere ulteriore tempo”.
La Fondazione sottolinea “evidenti indecisioni, lacune programmatiche e organizzative”. Oggi, spiega ancora, “si continua a perdere tempo in discussioni improduttive”, in quanto “si dice cosa non si deve fare, ma non cosa si dovrebbe fare. Il tutto – conclude – nonostante le richieste, già avanzate da tempo, di dare seguito con celerità ad un progetto chiaro e condiviso per il recupero del bene”.
Nei mesi scorsi la Fondazione aveva stanziato oltre 250 mila euro per il recupero, che si aggiungono ai 450 mila già stanziati dal Comune.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>