Capitale della cultura, le città umbre si muovono in autonomia e guardano fuori regione Gubbio lavora con le Marche, Castiglione del Lago stringe collaborazioni con la Toscana

PERUGIA – Si muovono le città umbre, in vista della nuova raffica di candidature a Capitale della Cultura. Si muovono però in autonomia, facendo asse anche con le realtà limitrofe delle altre regioni. E’ il caso di Gubbio, che sta lavorando ad una sinergia con Urbino. L’operazione è nel segno dei Montefeltro, che hanno unito sotto il Ducato le due città. A sostenere questa ipotesi c’è un ordine del giorno del consigliere comunale Francesco Gagliardi.

Operazione simile c’è anche a Castiglione del Lago, guardando però verso la Toscana. Insieme alla città umbra ci sono tre prestigiose località che si affacciano sulla Val di Chiana. Si tratta di Montepulciano, Chiusi e Torrita di Siena. La candidatura è stata ufficializzata e si sta ultimando anche il dossier.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>