Il 2019 si apre all’insegna dell’emergenza, Cgil Perugia: “Pronti alla mobiltazione”

PERUGIA – Morti e infortuni sul lavoro, allarme infrastrutture e ricostruzione post-terremoto che non parte: il 2019 si è aperto per l’Umbria e per la provincia di Perugia in particolare all’insegna dell’emergenza. Un’emergenza di fronte alla quale la Cgil non intende restare a guardare: “Siamo pronti ad avviare una fase di mobilitazione – ha detto stamattina nel corso di una conferenza stampa Filippo Ciavaglia, segretario generale della Cgil di Perugia, accompagnato dalla segreteria provinciale – perché quello che sta succedendo, sia sul fronte delle morti sul lavoro (già 3 nel 2019 in provincia di Perugia, che si sommano alle 14 del 2018), ma anche da un punto di vista economico e infrastrutturale, non può certo lasciarci indifferenti”. Dunque, via alla mobilitazione, che si aprirà con 4 attivi territoriali tra fine gennaio e inizio febbraio, in Alta Umbria (29 gennaio), Valle Umbra/Valnerina (30 gennaio), Trasimeno e Media Valle del Tevere (31 gennaio) e Perugia (4 febbraio). Attivi nei quali il sindacato chiamerà a raccolta tutti i suoi iscritti per preparare poi, in concerto con Cisl e Uil, le azioni di lotta che si renderanno necessarie. “Crediamo che il quadro economico e sociale che abbiamo davanti sia assolutamente preoccupante – ha aggiunto Ciavaglia – e la chiusura della E45 è un ulteriore colpo durissimo per il territorio. Dall’altra parte della provincia invece – ha aggiunto il segretario – c’è la ricostruzione post-terremoto che non è sostanzialmente ancora partita, mentre permane forte incertezza rispetto alla conferma di strumenti fondamentali, quali il durc con congruità, che sono garanzia di legalità e sicurezza sul lavoro”.

Sullo sfondo ci sono poi naturalmente i grandi temi di carattere nazionale, con la grande manifestazione lanciata da Cgil, Cisl e Uil per il 9 febbraio a Roma. “Anche su questi temi – ha concluso Ciavaglia – dalla finanziaria alle pensioni, passando per il reddito di cittadinanza, c’è grande confusione e i nostri 4 attivi saranno occasione per un confronto con le lavoratrici e i lavoratori, finalizzato ad esplicitare e discutere tutte le nostre riserve e preoccupazioni”.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>