“Il no alle Olimpiadi 2024 da parte dei grillini grave danno anche per Terni e Piediluco” L’assessore allo sport Giacchetti: “Vanificati gli accordi per il canottaggio, bruciate le possibilità per nuoto e tennistavolo”

TERNI – Svanisce nel nulla il sogno del canottaggio, per il nuoto e per il tennistavolo a Terni e Piediluco. Il “no” secco dei grillini alle Olimpiadi 2024 a Roma, ha dei riflessi negativi anche sul nostro territorio.

In una nota l’assessore allo sport del Comune di Terni, Emilio Giacchetti, dice la sua.

“Il no vanifica il lavoro portato avanti in questi mesi dal Comune, dalla Regione, nei rapporti con il Coni e con alcune federazioni. Eravamo riusciti ad ottenere da parte del presidente del Coni Malagò un impegno preciso e delineato per Piediluco come bacino di allenamento e preparazione per le nazionali impegnate a Roma.

Una presenza resa possibile dalle caratteristiche pressoché uniche del bacino di Piediluco e dalla presenza del Centro Federale, struttura che puntiamo a potenziare, così come le altre strutture presenti a Piediluco e dedicate al canottaggio. Un lavoro fondamentale, cercando di superare gli abituali ostruzionismi dei signornò della zona che nei giorni scorsi sono tornati a colpire con i loro esposti che questa volta hanno preso di mira il lavori del Clt su Piediluco, un intervento di grande spessore sportivo che gli isolati signori dell’immobilismo stanno cercando di affossare.  Tornando alle olimpiadi: la candidatura di Piediluco come bacino di gara non era affatto archiviata, in quanto in un’ottica di una revisione del dossier iniziale, in base a un  progetto più  ecosostenibile, a basso impatto ambientale e dai costi contenuti, la realizzazione di un nuovo campo di gara a Roma poteva essere rivisto a tutto vantaggio di Piediluco.

In questi mesi poi ci siamo attivati per mettere in evidenza, anche presso il Coni e il Comitato per Roma 2024, che Terni è in grado di dare un apporto rilevante, sul tema della preparazione e del dislocamento delle nazionali, sia per quanto riguarda la presenza di un impianto natatorio di primissimo livello, che del tennis tavolo. Strutture che sono un fiore all’occhiello per la città che nel 2024 avrà a disposizione anche il palazzetto polivalente.
Ebbene tutto questo è spazzato via da un no di chi ha solo paura della propria incapacità a gestire i grandi appuntamenti, a differenza di quanto altre amministrazioni hanno fatto, ad esempio con l’Expo, un successo per Milano e per l’Italia.

Con il no alle Olimpiadi è lecito domandarsi quali siano i modelli di sviluppo dei grillini: facile fare i sopralluoghi passerella a Piediluco, molto più difficile impegnarsi per la realizzazione di un appuntamento mondiale che avrebbe portato sicuri benefici e vantaggi anche su questi territori. Finora l’unica proposta che è arrivata dai grillini per Terni è quella di sversarci i rifiuti di Roma. Veramente troppo poco per una forza politica che si è annunciata come il cambiamento, come l’innovazione, e che invece si dimostra, alla prova dei fatti, per la conservazione più completa”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>