Trevi, donazione organi, oltre 600 le dichiarazioni di volontà raccolte in soli due anni Sperandio: “Atto di civiltà e altruismo che salva tante vite umane”

TREVI – Nel maggio del 2014,  il Comune di Trevi è stato tra i primi ad aderire al progetto della Regione Umbria e di Federsanità Anci Umbria in collaborazione con il Centro regionale trapianti, denominato  “La donazione organi come tratto identitario – Una scelta in Comune” . In questi due anni sono stati oltre seicento, ed il dato è in costante aumento, i trevani che hanno dichiarato il proprio consenso alla donazione nell’apposito registro comunale, soltanto 11 quelli che hanno espresso il loro diniego. “Un grande attestato di altruismo e generosità, spiega l’assessora alla salute Stefania Moccoli, se si pensa che Trevi è un Comune sotto i diecimila abitanti e che per iscriversi all’albo occorre essere maggiorenni, un dato tanto più significativo se paragonato alle iscrizioni in Comuni di ben più alta incidenza demografica.” Grande soddisfazione è espressa dal Sindaco Bernardino Sperandio a capo di una Amministrazione che ha fortemente promosso il progetto favorendo al massimo la sensibilizzazione su una tematica estremamente importante. “L’amministrazione comunale – dichiara – si è impegnata e continuerà ad impegnarsi affinché sempre più persone compiano questo gesto di alta civiltà e altruismo. Le cronache ci restituiscono quasi ogni giorno storie di vite salvate grazie alla generosità dei donatori”.  Per favorire la dichiarazione di volontà, i cittadini, al momento del rinnovo o del rilascio della carta di identità hanno la possibilità di dichiarare il proprio consenso o diniego alla donazione di organi su espressa richiesta dell’operatore dello Sportello del cittadino. I dati acquisiti vengono contestualmente trasmessi al Sistema Informativo trapianti.

Per la cronaca in Umbria sono complessivamente 17.756 le persone che hanno espresso il loro consenso alla donazione degli organi attraverso gli appositi albi comunali; 4455 quelli iscritti ai registri delle rispettive ASL, mentre 11060 sono gli iscritti all’Associazione italiana donatori organi (AIDO).

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>