Industria 4.0, Umbra Cuscinetti lancia la sfida: “Meno tecnologia e più capitale umano” La multinazionale di Foligno punta sui lavoratori: nuove assunzioni e più specializzazione. Ecco la ricetta dell'Ad Baldaccini

FOLIGNO – L’Umbra Cuscinetti, azienda umbra leader mondiale nella produzione di viti a sfera ad alta precisione nel settore aeronautico, lancia la sfida al modello Industry 4.0. E lo fa puntando soprattutto sulle persone, sul capitale umano, sui lavoratori come risorse in grado di fare la differenza.
“Non si vince un Gran Premio soltanto con la macchina, serve anche un pilota e un ottimo team di
collaboratori”: ha spiegato Antonio Baldaccini, amministratore delegato dell’azienda, sorpassando il “concetto oggi prevalente che l’automazione e la tecnologia siano l’unico motore di questa
rivoluzione”.
Relazione, ascolto e collaborazione sono le attività principali alla base di una filosofia aziendale centralizzata da sempre sulla persona: nell’azienda folignate, il luogo di lavoro viene inteso come “luogo di socializzazione da proteggere per il benessere e il progresso della società”.
“Sebbene le tecnologie digitali stiano prendendo ormai il sopravvento – fanno sapere – l’uomo resta il motore dell’attività lavorativa. Proprio sulla scia di questo concetto, Umbra Cuscinetti sta pertanto rivedendo il piano degli investimenti, effettuando tagli sulla spesa in tecnologia a favore di investimenti in “capitale” umano. Aperta in azienda la ricerca di professionisti a livello apicale nelle aree del Program Management, dell’IOT, del Risk Management oltre che della Supply Chain e Data Analyst. Seppure l’Azienda nasce con una componente fortemente meccanica, le persone che ora ricerca dovranno essere Ing. elettronici, informatici e gestionali”.
L’ad Antonio Baldaccini afferma: “Perché cambiare? Noi alla Umbra dobbiamo cambiare perché vogliamo
un futuro migliore per noi, per i nostri figli, per la nostra Azienda e per la nostra comunità. Questo è il nostro sogno: creare un ambiente di lavoro dove tutti, dall’operatore di macchina, al portiere, fino ad arrivare all’amministratore delegato, vengano ascoltati come persone e come agenti di cambiamento”. “Noi – continua – desideriamo guidare l’industria 4.0 e non farci travolgere. Per questo
siamo pronti ad investire per riqualificare il nostro personale ma anche ad assumere nuovo personale che porti in azienda competenze che dobbiamo rafforzare per continuare ad essere leader nei mercati in cui operiamo”. Una sfida grande quella della Umbra Cuscinetti ma dagli Azionisti, al CDA, al Management sono pronti ad affrontarla e vincerla.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>